Trofeo internazionale Nello Tarantini, Stefano Soro Vs Sergio Piras

Sassari July 7, 2013 – It was a Muay Thai explosive that did see a show on a high, meeting after meeting, the one that has excited for a night Sassari and the public who thronged to capacity the Pala Simula (gym bunker) of street Polygon. Yesterday (Saturday, July 6) titles at stake, Pro Italian, European and Trophy Tarantini, remained in Sardinia thanks to the determination of the three athletes islanders Sara Donghi, Mauro Andrea Serra and Serra.

The ring set up in the gym Polygon street athletes battled it out with no holds barred. And the show is started from the first of the eight match of the media, are Muay Thai and MMA in two meetings with the rules of the Valetudo. The Sardinians have immediately from unlined their technique showing great talent with shots to the figure, medium and high kicks, the elbows and the knees.

 

The support meetings have opened the evening, enhanced by the choreography of the sacred dances Thai. The first to enter the ring were the two athletes not yet professionals Stefano Soro Chang Peuk of Muay Thai, trained by Luca Carta european champion Sergio Piras Team Neri. The two boxers had never dealt with before and among them were immediately sparks. Piras that has dominated the match, winning on points, immediately showed his supremacy, and with a “tae lam”, a roundhouse kick to the liver has bowed the knee of the opponent and forced him to count from the referee .

 

 

 

Read more about www.andreabazzoni.it

 

 

 

Italiano

 

 

SASSARI 7 LUGLIO 2013 – E’ stata una Muay thai esplosiva che ha fatto vedere uno spettacolo in crescendo, incontro dopo incontro, quella che per una notte ha appassionato Sassari e il pubblico che ha assiepato all’inverosimile il Pala Simula (palestra bunker) di via Poligono. Ieri (sabato 6 luglio) i titoli in palio, italiano Pro, europeo e il Trofeo Tarantini, sono rimasti in Sardegna grazie alla determinazione dei tre atleti isolani Sara Donghi, Mauro Serra e Andrea Serra.

 

Sul ring allestito nella palestra di via Poligono gli atleti si sono dati battaglia senza esclusioni di colpi. E lo spettacolo è cominciato sin dal primo degli otto match di supporto, sei di Muay thai e due di Mma con le regole del Valetudo. Gli atleti sardi hanno da subito sfoderato la loro tecnica mostrando grandi doti con i colpi alla figura, i calci medi e alti, le gomitate e le ginocchiate.

 

Ad aprire la serata, arricchita dalla coreografia delle danze sacre tailandesi, sono stati gli incontri di supporto. I primi a salire sul ring sono stati i due atleti non ancora professionisti Stefano Soro della Chang Peuk Muay Thai, allenato dal campione europeo Luca Carta e Sergio Piras del Team Neri. I due pugili non si erano mai affrontati prima e tra loro sono state subito scintille. Piras che ha dominato l’incontro, vincendo ai punti, ha mostrato subito la sua supremazia, e con un “tae lam”, un calcio circolare al fegato ha piegato le ginocchia dell’avversario e lo ha costretto al conteggio da parte dell’arbitro.

 

 

Leggi tutto su www.andreabazzoni.it

Commenta su Facebook

Close
Andrea Bazzoni - Gestione Uffici Stampa
Seguimi sui social network per essere sempre aggiornato
Twitter Facebook
Google+
Questo sito usa i cookie per migliorare la tua esperienza d’uso e usa cookie di terze parti. Maggiori informazioni. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.